• images/stories/headers/Enpals2.jpg
  • images/stories/headers/Enpals3.jpg
  • images/stories/headers/Enpals5.jpg
  • images/stories/headers/Enpals6.jpg
  • images/stories/headers/Enpals7.jpg
  • images/stories/headers/header1.11.jpg
  • images/stories/headers/header11.jpg
  • images/stories/headers/header2.jpg
  • images/stories/headers/header3-1.jpg
  • images/stories/headers/header3.jpg
  • images/stories/headers/AlaPagPlus.png
  • images/stories/headers/AlaPagPlus1.png
  • images/stories/headers/logo_alapagwin.gif
  • images/stories/headers/main-image.gif

I più letti

Problema con Windows 10 Anniversary Update

A seguito dell'aggiornamento a Windows 10 Anniversary Update che sta avvenendo in questi giorni, abbiamo riscontrato su alcuni PC (presumibilmente solo PC portatili e Notebook) problemi nelle stampe UniDM e Tabulati Personalizzati di AlaPagPLUS.

A tal riguardo, ove possibile, sconsigliamo di eseguire l'aggiornamento di Windows 10 alla versione Anniversary Update (build 1607).
Siamo a disposizione per ogni dubbio o chiarimento.

Stiamo lavorando per risolvere il problema.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 09 Settembre 2016 09:42)

 

ARTICOLO DI FONDAZIONE STUDI SULLE PAUSE E SOSTE DEL LAVORATORE

Notizia numero:   2016.03.001

Data:                   17/03/2016

Categoria:           Normativa

Proponiamo di seguito un interessante articolo della Fondazione Studi che analizza la normativa vigente riguardante gli intervalli concessi al lavoratore per il recupero delle energie psico-fisiche: 

Articolo Fondazione Studi

PAUSE E SOSTE DEL LAVORATORE

 La normativa vigente obbliga il datore alla concessione di un intervallo per pausa di almeno 10 minuti ai fini del recupero delle energie psico-fisiche del lavoratore. Si definisce pausa qualsiasi momento di inattività presente nell’intero arco lavorativo giornaliero, che sia tale da consentire l’effettivo recupero delle energie, la consumazione del pasto e/o l’attenuazione di mansioni monotone e ripetitive, la collocazione temporale della pausa è stabilita dal datore di lavoro, nel rispetto delle esigenze tecniche del processo produttivo.

Qualora l’organizzazione del lavoro preveda la “pausa pranzo”, l’obbligo di fruizione della pausa può essere assolto in corrispondenza del momento stesso di sospensione dell’attività.

Esistono inoltre delle previsioni specifiche ed integrative a tutela di determinate categorie di lavoratori:

  • gli addetti ai videoterminali con orario di lavoro pari ad almeno 20 ore settimanali hanno diritto ad una pausa di 15 minuti ogni due ore di applicazione continuativa al video;
  • i bambini e gli adolescenti, al superamento delle quattro ore e mezza di lavoro senza interruzione, devo osservare una pausa di almeno un’ora;
  • il lavoratore domestico ha diritto ad un congruo periodo di riposo giornalieri e a non meno di 8 ore consecutive di riposo notturno;
  • l’orario di lavoro del personale addetto al trasporto di merci o persone deve prevedere dei riposi intermedi di 30 minuti, in caso di orario compreso tra le sei e le nove ore giornaliere; di 45 minuti se superiore.

In assenza di specifiche previsioni dettate dalla contrattazione di categoria o aziendale, la legge prevede la non retribuibilità delle pause lavorative relative a:

  • riposi intermedi, trascorsi sia all’esterno che all’interno dell’azienda;
  • il tempo di viaggio necessario a raggiungere il posto di lavoro;
  • le soste di lavoro di durata superiore ai dieci minuti, durante le quale non sia richiesta alcuna prestazione di lavoro. Le soste, in particolare, costituiscono delle pause ”interne” alla prestazione, non predeterminate e connesse allo svolgimento e all’organizzazione del processo produttivo;
  • soste per causa di forza maggiore o comunque non imputabili al lavoratore. In questo caso, qualora la durata superi i 30 minuti, il diritto alla retribuzione è previsto soltanto nel caso in cui il datore trattenga comunque il lavoratore presso il luogo di lavoro.

Informazioni dai Consulenti del lavoro.

 

FRINGE BENEFIT 2016: PUBBLICATE IN G.U. LE NUOVE TABELLE ACI

Notizia numero:   2015.12.003

Data:                   17/12/2015

Categoria:           Normativa

È stato pubblicato sulla G.U. n.291 del 15 dicembre, S.O. n.66, il comunicato dell'Agenzia delle Entrate che contiene le nuove tabelle nazionali dei costi chilometrici di esercizio di autovetture e motocicli elaborate dall’Aci, (secondo quanto disposto dall'art.3, co.1, D.Lgs. n.314/97), valide per il 2016.

Le tabelle sono utilizzate per la determinazione del fringe-benefit, cioè della retribuzione in natura che deriva dalla concessione in uso ai dipendenti dei veicoli aziendali che vengono destinati ad uso promiscuo per esigenze di lavoro e per esigenze private.

Per accedere alle tabelle ACI cliccare QUI.

 

INTERESSE LEGALE: DAL 01/01/2016 E’ FISSATO ALLO 0,2%

Notizia numero:   2015.12.002

Data:                   17/12/2015

Categoria:           Normativa

È stato pubblicato sulla G.U. n. 291 del 15 dicembre il decreto dell’11/12/2015 del Ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha fissato allo 0,2% il saggio di interesse legale, con decorrenza 01/01/2016.

 

AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE: ARTICOLO DI FONDAZIONE STUDI

Notizia numero:   2015.09.001

Data:                   30/09/2015 

Categoria:           Normativa

 

Di seguito vi proponiamo l’articolo di Fondazione Studi che riguarda l’affissione preventiva del codice disciplinare.

“Articolo Fondazione Studi

 L’affissione del codice disciplinare

 La sanzione disciplinare inflitta dal datore di lavoro è legittima solo in presenza dell’affissione preventiva del codice disciplinare in luogo accessibile a tutti i lavoratori.

Si tratta di un principio ben chiaro e consolidato nel tempo, ma con la recente sentenza n.15218/15 la Corte di Cassazione è chiamata nuovamente ad intervenire sull’argomento.

L’adempimento dell’affissione del codice da parte del datore di lavoro è stabilito dallo Statuto dei lavoratori (legge 300/70) ed è insostituibile con altro mezzo e imprescindibile per la legittima applicazione delle misure sanzionatorie. La Cassazione ha affermato che l’affissione non è superabile da altre forme di pubblicità, come la prescritta pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del contratto collettivo di lavoro.

La sentenza fa nuovamente luce sull’argomento dopo il ricorso di un Comune, vittorioso in primo grado ma soccombente in appello dinanzi al ricorso della dipendente contro la sanzione irrogata. La prescrizione dell’affissione in luogo accessibile a tutti i dipendenti, afferma la Corte, è regola generale che garantisce la piena coscienza da parte del lavoratore delle norme di condotta necessarie al buon funzionamento dell’ufficio in cui lavora e delle conseguenze negative che possano derivare dai propri comportamenti contrari. La circostanza del rispetto o meno dell’obbligo dell’affissione non rileva solo quando il comportamento del dipendente che si vuole sanzionare integri un’ipotesi di reato o la violazione di regole elementari di vita. Mentre nel caso specifico si è di fronte alla violazione di prescrizioni del datore di lavoro attinenti l’organizzazione del lavoro.

Nel caso specifico, il comportamento sanzionato si concretizzava nella violazione del protocollo interno per il deposito di documentazione relativa alla situazione di un invalido, cioè senza il rispetto dell’iter dettato dal dirigente. Ne è derivata una sanzione disciplinare impugnata e ora annullata proprio per la mancata affissione. Il fatto concreto esaminato dalla Corte, non esula dall’obbligo dell’affissione, non rientrando nell’ipotesi di reato e nemmeno nel mancato rispetto di regole elementari di vita.

Mancava da parte dell’ente locale l’affissione in luoghi accessibili a tutti i dipendenti delle norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni e alle procedure di contestazione delle stesse.

Il lavoratore è tenuto al rispetto del contratto e deve adeguare il proprio comportamento ai principi riguardanti il rapporto di lavoro contenuti nel codice di condotta.”

 

SGRAVIO CONTRIBUTIVO PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO 2014: RILASCIO PROCEDURA DI ACQUISIZIONE E TRASMISSIONE DOMANDE

Notizia numero:   2015.08.002

Data:                   31/08/2015

Categoria:           Normativa

Il 12/08/2015 l’INPS ha diffuso il Messaggio n. 5302 nel quale informa dell’avvenuto rilascio della procedura di acquisizione e trasmissione delle domande relative allo sgravio contributivo per l’incentivazione della contrattazione di secondo livello, riferito agli importi corrisposti nell’anno 2014.

Nel messaggio si comunica che “a partire dalle ore 15.00 di mercoledì 26/08/2015 alle ore 23.00 di giovedì 24/09/2015, potranno essere trasmesse via internet - sia singolarmente che tramite i flussi XML - le domande utili a richiedere lo sgravio per l’anno 2014.

Al fine di consentire la verifica e l’eventuale aggiornamento delle domande inviate, sarà possibile annullare e trasmettere nuovamente le domande fino alle ore 23.00 di venerdì 25/09/2015”.

Per visualizzare il Messaggio INPS n. 5302 del 12/08/2015 cliccare QUI.

Ultimo aggiornamento (Lunedì 31 Agosto 2015 14:12)

 

PROROGA 770/2015

Notizia numero:   2015.07.001

Data:                   24/07/2015

Categoria:           Normativa

È ufficiale la proroga al 21 settembre della presentazione del modello 770/2015.

In attesa del DPCM la notizia è stata confermata ieri durante un “question time” che si è tenuto alla commissione finanze della camera.

 

 

AlaPagPLUS è compatibile con Windows 10

w7

I nostri programmi sono compatibili con Windows 10, Windows 8.x e con tutti i sistemi operativi Windows!

I test eseguiti sull'applicazione in diversi ambienti operativi ci consentono di affermare la compatibilità con i seguenti sistemi Windows:

- XP Professional (Non più supportato da Microsoft)
- Vista (32bit e 64bit)
- 7 (32bit e 64bit)
- 8 e 8.1(32bit e 64bit)
- 10 (32bit e 64bit)
- 2003 Server (Non più supportato da Microsoft)
- 2008 Server 
- 2012 Server R2

 

Software paghe Alapagwin

AlaPagWin: il software per la gestione del personale al servizio di Consulenti del lavoro, CED, HR, per aziende di qualsiasi tipo e dimensione.

L’esperienza maturata in oltre 25 anni d’attività nel campo delle soluzioni informatiche per la gestione del personale, ci consente di fornire software di paghe e amministrazione del personale aggiornato, flessibile e innovativo, senza trascurare l’assistenza.

Le personalizzazioni di AlaPagWin sono semplici grazie alla struttura versatile dell’applicazione e alla flessibilità tabellare.

Assistenza immediata e continua, con consulenti del lavoro esperti
L’assistenza, gestita direttamente dagli sviluppatori, è uno dei nostri punti di forza.  Il contatto diretto con i clienti, infatti, favorisce l’ascolto e rende così possibile la costante implementazione di aggiornamenti, per soddisfare le esigenze di tutti i clienti, indipendentemente dalla loro dimensione.

La formazione del personale viene effettuata direttamente on-site dalle stesse figure professionali qualificate che seguiranno il cliente per l’assistenza post-vendita. La configurazione on-site della procedura sulle risorse informatiche del cliente, eviterà perdite di tempo e inutili investimenti harware e s.o.

Massima flessibilità e facilità d’uso e manutenzione della procedura
La nostra procedura è stata la prima a livello nazionale a gestire il contratto dei “lavoratori dello spettacolo”, con le complessità della vecchia modulistica ENPALS.

Il passaggio dalle procedure esistenti del cliente alla nuova soluzione AlaPagWin avviene senza discontinuità, con gli utenti immediatamente operativi, grazie alle accurate operazioni di migrazione dei dati (anagrafiche, progressivi storici, ecc…) condotte dai consulenti e operatori qualificati.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per scoprire la tua soluzione personalizzata per la gestione del personale.